Quali sono le differenze tra Montascale per Disabili e Sollevatore per Disabili

portata massima montascale

Quando si ragiona nell’ambito dell’assistenza alla mobilità occorre rivolgere la propria attenzione a tutte le possibilità che tecnologia moderna e progresso scientifico portano a supporto del tema. Sul nostro blog parliamo spesso e volentieri dell’efficacia indiscutibile del montascale per disabili per il recupero dell’autonomia fisica e mentale dei nostri cari; è tuttavia vero che esistono tantissime misure che agiscono verso la stessa direzione, tra cui i sollevatori per disabili.

Ma quali sono le differenze tra sollevatore e montascale per disabili? Scopriamole insieme in questa guida dedicata.

Funzionalità

Sebbene questi due strumenti abbiano lo stesso obiettivo finale, se si analizza la funzione del sollevatore in corrispondenza al più tradizionale montascale per disabili noteremo subito la prima differenza. Il sollevatore per disabili, infatti, nasce allo scopo di consentire al paziente di accedere a piani rialzati senza la necessità di spostarsi o scendere dalla carrozzina. Questo mezzo di assistenza è dunque destinato a coloro che non solo hanno problemi nel salire le scale, ad esempio, ma anche per le persone allettate o che riscontrano difficoltà nel salire in auto.        

Diversamente, il montascale per disabili è particolarmente indicato per coloro che hanno problemi ad accedere agli spazi di casa o agli edifici pubblici mediante le scale in maniera tradizionale. Questo aspetto, tuttavia, non vuol significare che il beneficiario sia completamente impossibilitato a muoversi; in quest’ottica allora il montascale può essere interpretato anche come un facilitatore oltre che una necessità.

Prezzo

Naturalmente, il sollevatore per disabili rispetto ad un mezzo di assistenza più completo come il montascale per disabili si differenzierà anche per il costo. Anche soltanto guardando i due dispositivi da un punto di vista logico capiremo che la struttura del sollevatore è molto più snella e richiede meno interventi sia da un punto di vista tecnologico che meccanico.

In quest’ottica il montascale per disabili vanta tutt’altra impostazione e soprattutto un piano di installazione e manutenzione ben diverso, con conseguente costo al rialzo; è questo il motivo per cui i prezzi sono molto distanti nonostante in commercio esistano tantissimi modelli anche di sollevatori più dispendiosi.

Portata

Diverse strutture per diverse portate. Potremmo sintetizzare così la terza differenza tra sollevatori e montascale per disabili, ricordando che per portata intendiamo la capacità massima del mezzo di trasportare un determinato peso. Anche in questo caso la struttura dei mezzi sarà decisiva nel differenziare i due prodotti; i sollevatori per disabili avranno dunque una portata inferiore, sebbene esistano modelli in commercio che arrivano fino ad oltre i 200kg.

Tecnologia

Vogliamo fare ora un’eccezione nel parlare della differenza tra sollevatori e montascale per disabili, parlando invece di un punto in comune e di forza: la tecnologia. Entrambi i mezzi da questo punto di vista consentono di avere pieno controllo sul dispositivo attraverso una serie di dotazioni tecnologiche. Un esempio chiaro è il telecomando che permette di richiamare il montascale a distanza o spostare il sollevatore; naturalmente, soprattutto nel caso dei sollevatori non tutti i prodotti disporranno di funzionalità avanzate, andando ad incidere anche sulle voci di costo.

Design

Per chiudere il capitolo delle differenze tra sollevatori e montascale per disabili possiamo virare su un argomento molto più “leggero” e che segue solamente una direzione soggettiva. Ci riferiamo al design, un aspetto solitamente poco considerato ma che però soprattutto nel caso dei montascale può risultare determinante.

Questi mezzi, infatti, entreranno stabilmente nel contesto familiare ed è giusto che anche il decoro casalingo possa avere voce in capitolo nella scelta finale del prodotto. Per questo motivo i montascale si distinguono maggiormente per la varietà delle forme, delle poltrone e delle linee; dal canto loro, i sollevatori sono molto più essenziali nelle loro funzioni sebbene molti modelli possano comunque risultare più “fini” rispetto ad altri.

A prescindere dalle differenze ricordiamo che la scelta del mezzo di assistenza alla disabilità motoria deve sempre seguire il bisogno e le necessità del beneficiario, per cui ogni caso dovrà essere valutato affinché si possa arrivare alla soluzione più efficace per i nostri affetti più cari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa aspetti?