Montascale classico o montascale portatile: qual è la migliore soluzione

Tra le opzioni di cui tenere conto nell’acquisto di un dispositivo per tutelare la mobilità di persone anziane o disabili c’è anche quella di ricorrere ad un montascale portatile, preferibile a quello classico in determinati contesti. La caratteristica principale che contraddistingue il modello mobile riguarda proprio la trasportabilità. Il montascale fisso, invece, è studiato più per un utilizzo a lungo termine: richiede un’installazione professionale una tantum e può essere personalizzato nei minimi dettagli, in modo da adattarsi perfettamente alle caratteristiche dell’abitazione.

Ma allora qual è l’alternativa migliore tra un apparecchio fisso e uno portatile? Come vedremo, tale scelta è legata indissolubilmente a fattori come le esigenze specifiche del fruitore, l’ipotetica durata d’utilizzo e le caratteristiche strutturali della scala.

Montascale portatile: le caratteristiche principali

Design leggero e facilità nella sistemazione e nella rimozione sono senz’altro i tratti distintivi di un montascale portatile. Questi prodotti sono progettati all’insegna della leggerezza e della semplicità nei trasporti, soprattutto grazie ad appositi materiali leggeri che li rendono più gestibili: potranno dunque essere spostati facilmente senza il bisogno di modifiche permanenti alla scala. Alcuni modelli portatili sono alimentati soltanto con batterie ricaricabili: il fatto di poter contare su una minore dipendenza dalla rete elettrica dell’edificio non fa che aumentare la loro versatilità. Le peculiarità elencate non fanno che rendere i montascale portatili la soluzione temporanea per eccellenza in determinate situazioni. Ciononostante, va anche detto che la loro natura così eclettica può racchiudere alcune limitazioni rispetto ai montascale fissi: potrebbero non adattarsi perfettamente a determinate scale o in alcuni contesti particolarmente complessi.

Il montascale: classico o portatile? Tutte le differenze

Gli indecisi tra un apparecchio fisso o portatile dovrebbero prima di tutto soppesare le esigenze specifiche, il contesto e la durata d’uso prevista. Il montascale portatile, infatti, è sicuramente più adatto per un utilizzo temporaneo: può avvalersene, ad esempio, chi abita in una casa in affitto, chi è ospite per un breve periodo di tempo a casa di amici o parenti, oppure nel caso in cui una determinata scala debba essere utilizzata agevolmente da più persone. Se non si desidera una modifica permanente, insomma, l’elevata flessibilità di un prodotto portatile è senza dubbio la scelta giusta. Al contrario, un montascale classico presuppone un utilizzo a lungo termine, in caso dunque di una disabilità perpetua. Se la scala ha caratteristiche particolari, inoltre, un montascale fisso viene progettato e personalizzato appositamente per adeguarsi alla perfezione anche a curve o pendenze molto ripide. È innegabile come un montascale fisso, installato correttamente da tecnici specializzati, offra una stabilità senza eguali, garantendo ulteriore sicurezza rispetto ad alternative portatili. Per una preferenza più oculata, però, è bene consultare un professionista del settore che sappia soppesare al meglio i bisogni specifici e le caratteristiche della rampa in questione.

Guida alla scelta per anziani o disabili

La scelta tra un montascale portatile e uno fisso per un individuo disabile dipende in primis dal grado di disabilità. Anche le specifiche esigenze dell’utente, il budget e le caratteristiche della scala sono dei fattori primari nella decisione finale. Se la disabilità è permanente, e c’è bisogno dunque di un supporto costante, un montascale fisso si rivelerà senz’altro più appropriato, in quanto soluzione stabile e sicura a lungo termine. Se invece si ha a che fare con una disabilità temporanea, legata ad esempio a un brutto infortunio, potrebbe essere più adatto un modello portatile. C’è poi da tener conto del maggior senso di indipendenza che un montascale fisso assicura all’utilizzatore. Va sottolineato infine che le opzioni fisse tendono ad essere più costose rispetto a quelle portatili. Per quanto riguarda una persona anziana, invece, ci sarà da tener conto della sua salute generale, a cominciare dalla stabilità fisica, ma anche delle esigenze quotidiane e dell’ambiente in cui risiede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa aspetti?