Come scendere e salire le scale con le stampelle: metodi e consigli utili

come scendere scale stampelle

È uno dei mezzi di assistenza alla mobilità più diffusi e, non di rado, nella vita di ognuno di noi capita di doverci avere a che fare. Parliamo delle stampelle, l’apparecchio ortopedico più comune quando ci si appresta ad un percorso riabilitativo post infortunio o magari semplicemente quando inizia la terza età e, con essa, iniziano anche i primi “dolorini”.

Le stampelle sono lo strumento migliore di assistenza soprattutto quando i problemi di mobilità non richiedono un livello di assistenza troppo elevato, a differenza ad esempio dei montascale per anziani che invece rappresentano l’ausilio più efficace in caso di gravi problemi motori.

Eppure, le sole stampelle non bastano per una giusta deambulazione perché bisogna capire bene come utilizzarle, quali sono i metodi e i consigli più efficaci da seguire in queste circostanze.

Ma allora come scendere e salire le scale con le stampelle? Scopriamolo insieme in questo articolo!

Come usare le stampelle: metodi e consigli

Prima di approcciarsi in maniera poco cauta ad un’azione quotidiana come scendere e salire le scale, è giusto prendere tutti gli accorgimenti riguardo la scelta delle stampelle. Ciascun apparecchio ortopedico infatti presenta caratteristiche simili, ma molte personalizzabili a seconda del proprio problema e della propria struttura fisica.

Il primo consiglio utile per usare le stampelle è quello di scegliere il mezzo ausiliare giusto, dal momento che ne abbiamo diverse tipologie, ma noi ci concentreremo sulle principali due: stampelle ascellari e stampelle canadesi.

Le stampelle ascellari sono quelle più comuni e, come si può facilmente evincere, prevedono l’appoggio sotto le ascelle; diversamente le stampelle canadesi propongono l’appoggio all’altezza dell’avambraccio.

A prescindere da questi fattori vanno considerati poi altri due fattori fondamentali: altezza e impugnature. Partiamo dal presupposto che le stampelle presentano l’altezza regolabile e dunque sarà nostro compito saper individuare quella giusta per noi. Solitamente l’altezza delle stampelle è giusta se le impugnature si trovano parallele al grande trocantere ossia, per provare ad individuarlo sommariamente, l’osso più sporgente del femore.

Le impugnature, dal canto loro, devono senza dubbio prevedere una forma anatomica oltre che una composizione morbida a livello di materiali. In questo modo l’impugnatura risulterà essere fatte di un materiale morbido in modo da conferire alle stampelle una presa comoda e soprattutto salda.

Una volta imbracciate le nostre stampelle, possiamo capire come muovere i primi passi o affrontare movimenti un po’ più antipatici come salire e scendere le scale.

Stampelle e scale: come salire e scendere?

Esistono dei metodi ben chiari e definiti per capire come comportarsi quando proviamo a salire e scendere le scale con le stampelle. Tuttavia, non è il caso di preoccuparsi troppo perché non è un’azione molto complessa soprattutto se possiamo contare sull’aiuto del corrimano. Per questo motivo analizzeremo i due casi singolarmente sia in presenza che in assenza del corrimano.

  • Come salire le scale con stampelle e corrimano: usare un solo bastone, mettendo quindi una mano sul corrimano e il bastone nell’altra. Salire con la gamba sana e mantenere l’altro arto leggermente indietro. A questo punto potete avanzare con la stampella e portare la gamba infortunata sullo stesso gradino. Ripetere il movimento per ogni scalino.
  • Come scendere le scale con stampelle e corrimano: afferrare con una mano il corrimano e portare allo scalino inferiore la stampella insieme alla gamba infortunata; reggendosi bene al corrimano portare infine sullo stesso scalino la gamba sana.
  • Come salire le scale con stampelle e senza corrimano: salire con la gamba sana sul gradino superiore, mantenendo il peso sui bastoni a fianco della gamba infortunata; avanzare con le stampelle e, aiutandosi coi bastoni, portare su l’altra gamba. 
  • Come scendere le scale con stampelle e senza corrimano: portare in avanti prima le stampelle e l’arto infortunato, dopodiché scendere con la gamba sana.

In linea generale, il consiglio da tenere a mente è quello di fare forza in primis sulla gamba sana quando si salgono le scale, mentre bisogna portare avanti prima quella infortunata quando si scende.

Altri consigli per usare le stampelle in sicurezza

Salire e scendere le scale non è l’unico momento in cui va capito come usare le stampelle e muoversi in sicurezza. Ci sono tantissime circostanze quotidiane che richiedono un po’ di attenzione in più in modo da essere certi di non aggravare le proprie condizioni. Ecco allora un po’ di consigli utili da tenere a mente in generale:

  • È bene assicurarsi che il peso del corpo sia scaricato sulle mani e non sulle ascelle
  • Fermarsi in caso di giramenti di testa o annebbiamento della vista
  • Evitare di passare su tappetini e/o scendiletto

Ci sono poi altre indicazioni per quanto riguarda il tipo di carico:

  • Arto in scarico: non applicare nessun peso sull’arto malato
  • Carico sfiorante: applicare solo il 10% del peso sull’arto malato, poggiando solo la pianta del piede sul pavimento in modo da bilanciare il peso
  • Carico parziale: applicare fino al 50% del peso sull’arto malato
  • Carico completo: applicare tutto il peso sull’arto infortunato

Queste sono i principali consigli da ricordare quando si usano le stampelle; ovviamente non va dimenticato che siamo noi i primi “medici” di noi stessi per cui è bene prestare attenzione ai progressi quotidiani senza voler mai strafare!

Un pensiero su “Come scendere e salire le scale con le stampelle: metodi e consigli utili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa aspetti?