Battiti cardiaci degli anziani: quando si possono considerare normali

battiti cardiaci anziani

L’età avanzata, lo stato di salute generale, l’abitudine ad un’attività fisica più o meno regolare e l’assunzione di determinati farmaci sono tutti fattori che possono influenzare i battiti cardiaci negli anziani. In generale, un graduale abbassamento della frequenza cardiaca con il passare degli anni è del tutto fisiologico e non dovrebbe allarmare. Si tratta, in fin dei conti, di una mutazione naturale del sistema cardiovascolare: proprio per questo motivo non bisogna necessariamente preoccuparsi.

Tuttavia, un individuo anziano con problemi cardiaci importanti o altre limitazioni fisiche può comunque pensare di ricorrere all’installazione di un montascale, per migliorare la propria mobilità e preservare la sua indipendenza nello svolgimento delle più comuni attività quotidiane. Vediamo in quali casi la frequenza cardiaca di un anziano si può considerare nella norma e quando invece è bene rivolgersi al medico.

Battiti cardiaci negli anziani: i valori di riferimento

Di solito, la frequenza cardiaca di un anziano in salute a riposo è compresa tra i 60 e i 100 battiti al minuto. Chiaramente c’è chi, pur non avendo problemi di alcun genere, potrebbe manifestare un battito cardiaco al di sotto o al di sopra di questo intervallo. Alcune circostanze, come problemi cardiaci o altre patologie, provocano infatti un aumento della frequenza cardiaca. Ma allora, quando è davvero necessario dare l’allarme? A destare sospetti in primis dovrebbero essere dei cambiamenti inattesi nei valori cardiaci: un aumento significativo o una diminuzione improvvisa dei battiti richiedono un consulto medico immediato. Altre avvisaglie da non sottovalutare sono segnali riconducibili all’infarto, come forti dolori al petto, respiro affannoso, svenimenti o vertigini persistenti.

Frequenza cardiaca sospetta: ecco quando chiamare il medico

Nonostante spesso non sia necessario fare allarmismi, ci sono alcune situazioni in cui è saggio, per sicurezza, affidarsi al parere di uno specialista. Oltre ai già accennati cambiamenti improvvisi nella frequenza cardiaca e a sintomi aggiuntivi, come dolore al petto, mancanza di respiro o vertigini, è bene drizzare le antenne soprattutto in presenza di una storia clinica complessa. Se si soffre di malattie cardiache o altri importanti problemi di questa natura, infatti, non bisogna assolutamente scherzare con la propria salute. In tal caso, è consigliabile monitorare attentamente la frequenza cardiaca e riferire al medico eventuali sbalzi poco chiari. Alcuni farmaci sono noti per la possibilità di influenzare il corretto funzionamento del cuore: se una persona anziana sa di assumere questa tipologia di medicinali, anche il suo dottore dovrebbe esserne a conoscenza, e dunque andrebbe consultato in caso di preoccupazioni. In generale, comunque, non è mai un errore rivolgersi al medico di base in presenza di qualche dubbio o inquietudine sullo stato cardiaco di un nostro caro, soprattutto se ultrasessantenne. Solo i professionisti della salute sono in grado di condurre una valutazione a tutto tondo e, se necessario, prescrivere successivi test o appositi regimi di trattamento.

Come misurare i battiti cardiaci degli anziani

Per scongiurare qualsiasi dubbio o perplessità sui nostri cari, può essere importante imparare a misurare la frequenza cardiaca degli anziani. Per farlo vi sono diverse soluzioni: tra le più comuni c’è la palpazione del polso. Sarà sufficiente contare per quindici secondi e moltiplicare per 4 per ottenere il numero di battiti al minuto. Per una misurazione più accurata e continuativa ci si avvale di uno strumento di monitoraggio della frequenza cardiaca: questi dispositivi di ultima tecnologia, come orologi o braccialetti elettronici, possono essere indossati dal paziente in qualsiasi momento. Offrono letture permanenti o a intervalli della frequenza cardiaca, fornendo degli appositi avvisi quando c’è qualcosa che non va. Ma il test più approfondito in assoluto è l’elettrocardiogramma, che misura l’attività elettrica del cuore. Se ne fa ricorso in particolare nei contesti medici, per valutare la salute cardiaca in modo più dettagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa aspetti?