Anziani in casa di riposo: pro e contro

casa di riposo retta

Il benessere degli anziani è una delle prerogative di tutte le famiglie che si ritrovano ad accudire i propri cari in età avanzata. In questo senso, uno degli investimenti più lungimiranti nell’ambito dell’assistenza alla mobilità è senza dubbio il montascale per anziani; tuttavia, ci sono casi in cui i nostri cari necessitano di maggiore sostegno fisico e psicologico.

È questo il motivo per cui spesso ci si ritrova a valutare i pro e i contro di trasferire gli anziani in una casa di riposo. In questo articolo proveremo a soffermarci proprio su questo tema cercando di evidenziare i principali vantaggi e gli svantaggi di una scelta del genere.

Anziani in casa di riposo: principali vantaggi

La premessa da cui partiamo è che ogni singola situazione sarà da valutare in maniera soggettiva, ma sempre con l’obiettivo di assicurare al nostro caro la miglior assistenza possibile. In ogni caso, sicuramente la scelta di trasferire i propri anziani in una casa di riposo presenta molti vantaggi, per cui rientra di diritto nel ventaglio delle possibilità da percorrere.

Uno dei principali vantaggi pro di questa scelta è data dalla compagnia che l’anziano può ritrovare in una struttura assistenziale; a questo proposito, infatti, va detto che la solitudine rappresenta uno dei nemici acerrimi della vecchiaia. In molti casi i nostri cari in età avanzata pur ricevendo le nostre visite costanti si ritrovano a soffrire a causa della malinconia dettata dalla noia o magari dal ricordo dei tempi passati.

Le case di riposo assicurano invece un ambiente sociale attivo non solo per il numero di anziani coinvolti ma anche per tutto l’ecosistema di persona circostante. Proprio quest’ultimo fattore introduce un altro vantaggio significativo, vale a dire quello della competenza medica che si traduce in una più efficace assistenza sanitaria. Le strutture adibite all’accoglienza di persone in età avanzata dispongono di persone qualificate che sapranno intervenire in ogni circostanza ed in maniera opportuna, garantendo la miglior forma di cura per il nostro caro.

C’è poi un pro legato agli anziani in casa di riposo che riguarda l’ambiente fisico in cui vengono collocate determinate strutture: quest’ultime, difatti, sono spesso costruite in contesti favorevoli dal punto di vista della tranquillità, dunque lontane dal caos cittadino e magari in zone ricche di verde. Sono tutti elementi che influiscono positivamente sulla psiche umane e dunque contribuiscono a migliorare il percorso di cura assistenziale dell’anziano.

Anziani in casa di riposo: alcuni svantaggi

Dopo aver preso in considerazioni i punti favorevoli, bisogna ora passare alle note dolenti ossia i principali “contro” o svantaggi del trasferire gli anziani in una casa di riposo. In questo senso, il primissimo deterrente è da ricercarsi nelle abitudini del nostro caro e nel desiderio di quest’ultimo di restare ancorato alla propria routine. Per le persone in età avanzata la propria casa viene riconosciuto inevitabilmente come un posto sicuro perché è lì che nella maggior parte dei casi hanno vissuto per large parte dei loro anni. Per questo motivo, indurli o spingerli ad accettare un trasferimento in una struttura non riconosciuta come familiare potrebbe far nascere in loro un senso di irrequietezza, ansia e stress.

Un’altra ragione contraria agli anziani in casa di riposo ha purtroppo a che fare con un tema più concreto che necessità di un approfondimento: i prezzi. Molte strutture, al netto di una piena e totale efficacia, richiedono un esborso economico non indifferente ragion per cui è lecito per molte famiglie domandarsi se siano in grado di sostenere una spesa così importante. Riprendendo il tema introdotto inizialmente, la cura ed il benessere dell’anziano vanno messi al primo posto nella scala delle priorità, ma è anche vero che queste condizioni non devono incidere negativamente sulla stabilità economica dell’anziano e del nucleo familiare in generale.

Volendo dunque concludere, possiamo sostenere che affidare gli anziani ad una casa di riposo ha diversi pro e contro, eppure la stessa soluzione potrebbe dare esiti diversi a seconda del soggetto interessato. Il consiglio di massima è quello di fare il possibile per mostrare vicinanza al proprio caro durante tutta la fase di invecchiamento; l’opzione della casa di riposo può comunque avere molto senso nei casi in cui il proprio supporto sia inadatto, impossibilitato da taluni fattori come il lavoro o il tempo a disposizione, o addirittura controproducente perché magari incapaci di fornire le giuste cure all’anziano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa aspetti?