Agevolazioni fiscali disabili: quali sono e come ottenerle

agevolazioni fiscali disabili

Negli ultimi anni la sensibilità “politica” oltre che sociale per i temi che riguardano la disabilità è cresciuta sempre di più. Per questo motivo, negli anni sono state proposte sempre più agevolazioni fiscali per disabili che risultano determinanti nel facilitare la vita di quest’ultimi mediante l’acquisto di dispositivi di assistenza come il montascale per disabili, ad esempio, ma anche in generale per ottenere tanti altri vantaggi.

In quest’articolo ci concentreremo proprio su tali agevolazioni che in Italia ricordiamo essere regolate dalla Legge 104: al suo interno sono raccolti diversi benefici che rientrano in tantissimi settori dalle detrazioni fiscali ai permessi speciali per accedere a determinate aree.

Come da titolo, analizzeremo soprattutto il tema economico per cui andiamo a vedere nel dettaglio quali sono le agevolazioni fiscali per disabili e come ottenerle.

Legge 104: a chi sono rivolte le agevolazioni fiscali per disabili

Prima di entrare nel merito delle agevolazioni fiscali per disabili è corretto contestualizzare l’ambito legale in cui ci muoveremo. Essendo delle misure previste dalla legge italiana, viene facile comprendere che non tutti potranno accedere ai vantaggi previsti dalla Costituzione.

In questo senso, le agevolazioni previste dalla Legge 104 hanno lo scopo di favorire e promuovere il benessere e l’autonomia delle persone portatrici di handicap, sia esso fisico, mentale o sensoriale. Tradotto in maniera ancora più semplice, la Legge 104 vuole assicurarsi che nessuno subisca degli svantaggi sociali e lavorativi o che venga emarginato per motivi legati al suo stato di salute.

La differenza sostanziale, dunque, tra handicap e invalidità è che nel primo caso ci troveremo di fronte ad una situazione che comporta difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione e che agisce in maniera progressiva o che sia ormai stabilizzata; nel secondo caso invece si parlerà solamente di una ridotta capacità lavorativa il cui grado dovrà essere valutato dal medico specialista tramite un sistema di percentuali.

Fatta questa doverosa premessa, andiamo a vedere quali sono le principali agevolazioni fiscali per disabili.

Agevolazioni fiscali per figli a carico con disabilità

Uno dei primi sussidi che rientra nell’ambito delle agevolazioni fiscali è quello che assiste i genitori con figli a carico con disabilità. In questo senso, la Legge riconosce determinate detrazioni Irpef per ciascun figlio portator di handicap; eccole di seguito:

  • 620 euro, se il figlio ha un’età inferiore a tre anni
  • 350 euro, per il figlio di età pari o superiore a tre anni

Nel caso di famigli con più di tre figli a carico si avrà la possibile di accedere ad una detrazione maggiore di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo. Al netto di quanto detto, l’importo riconosciuto dalle detrazioni seguirà il reddito complessivo della famiglia, andando gradualmente a scendere fino ad annullarsi per i redditi superiori a 95.000 euro.


Agevolazioni fiscali sui veicoli per disabili

Tutti i disabili che invece mantengono la facoltà di guidare e dunque hanno necessità di acquistare ed utilizzare un’auto potranno usufruire di altre agevolazioni fiscali specifiche. In particolare, anche in questo caso parleremo di alcune detrazioni ma anche esenzioni di pagamento. Eccole nel dettaglio:

  • Detrazione Irpef del 19% della spesa sostenuta per l’acquisto del veicolo
  • Iva agevolata al 4% sull’acquisto
  • Esenzione dal bollo auto
  • Esenzione dall’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà

Agevolazioni fiscali per abbattimento barriere architettoniche e sussidi tecnici e informatici

Come anticipato in apertura di questo articolo, è possibile godere di determinate agevolazioni fiscali anche per l’acquisto di mezzi di ausilio come il montascale per disabili. L’obiettivo in questi casi sarà quello di abbattere le barriere architettoniche, intese come quegli ostacoli che impediscono l’accessibilità dei disabili a strade, appartamenti e locali in senso ampio.

Non solo, le agevolazioni fiscali assistono questa categoria anche per l’acquisto di alcuni sussidi tecnici ed informatici fino alla possibilità di prendere un cane guida nei casi di disabilità sensoriale. Ecco le agevolazioni previste:

  • Detrazione Irpef del 19% della spesa sostenuta per i sussidi tecnici e informatici
  • Iva agevolata al 4% per l’acquisto dei sussidi alla mobilità, tecnici e informatici
  • Detrazioni delle spese di acquisto e cura del cane guida
  • Detrazione Irpef del 19% delle spese sostenute per i servizi di interpretariato dei sordi

Deduzione e detrazione per le spese di assistenza personale

Infine, chiudiamo il quadro di quelli che sono solamente alcune delle agevolazioni fiscali volte a favorire l’autonomia dei disabili con l’insieme di deduzioni e detrazioni per le spese finalizzate all’assistenza personale.

Ad oggi sono previste le seguenti misure:

  • Deduzione dal reddito complessivo degli oneri contributivi (fino all’importo massimo di 1.549,37 euro) versati per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o familiare
  • Detrazione Irpef del 19% delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale su un importo massimo di 2.100 euro, solo nei casi in cui il reddito non sia superiore a 40.000 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa aspetti?